Consulenza

Come sfruttare il Black Friday per il tuo business

Cosa ti viene in mente quando pensi al Black Friday? Occasioni.

Ma probabilmente penserai anche alle lunghe file di acquirenti che si spintonano per guadagnare posizioni nelle file fuori dai negozi, per garantirsi l’acquisto di un prodotto ad un prezzo super scontato.

Questo perché il Black Friday è diventato il fine settimana dello shopping più intenso e sentito, che si svolge ogni anno l’ultimo venerdì di novembre.

In questa visione, ormai diventata luogo comune, dove le persone tirano fuori la versione peggiore di sé stesse per risparmiare anche solo qualche centesimo, le aziende non possono far altro che approfittarne per proporre il proprio prodotto come il più conveniente sul mercato.

Il Black Friday è il giorno dopo il Ringraziamento americano, il quale segna l’inizio della stagione dello shopping natalizio per i consumatori. Di conseguenza, i dettaglianti promuovono i loro negozi giocando con i prezzi per stimolare l’acquisto di prodotti dai loro negozi.

Ciò che sembra funzionare molto in questa occasione è la psicologia della scarsità: i consumatori hanno infatti solo 24 ore per garantirsi i loro amati prodotti a prezzi scontati e questa opportunità appare più desiderabile proprio perché la sua disponibilità è limitata.

Non esiste un formato specifico su come funziona lo sconto: i rivenditori hanno infatti la piena libertà di impostare le loro offerte del Black Friday come meglio credono. Il problema per chi si occupa di vendita diventa capire quindi come far risaltare il proprio marchio tra la folla di offerte.

Alcuni consigli per il tuo Black Friday marketing

Facebook ha registrato un incremento del 17,9% rispetto all’anno precedente nella spesa pubblicitaria digitale delle aziende. Le percentuali di click sono aumentate dell’11% sugli annunci tradizionali e del 33% sugli annunci di retargeting.

Se vuoi creare una buona campagna per il Black Friday sfruttando questi dati, ti consiglio di creare grafici e banner accattivanti anche dal punto di vista grafico, oltre che per l’offerta che proporrai. Pianificali poi sui social media: automatizzare i tuoi post sui social media in anticipo ti renderà la giornata più facile, e ti potrai dedicare con più dedizione ai tuoi clienti.

La frenetica riduzione dei prezzi, però, resa onnipresente sui social media, rende incredibilmente difficile per tutti, a parte per i marchi più grandi, rendere redditizio il Black Friday. Ancora una volta a premiare è la creatività: ti propongo una selezione di campagne che nel mezzo della frenesia per il Black Friday, hanno saputo attirare l’attenzione.

Campagne non convenzionali di social media marketing per il Black Friday

Black Friday solidale: Patagonia e #loveourplanet

La compagnia di abbigliamento Patagonia si è unita all’iniziativa ambientale “One Percent for the Planet” per l’attività del Black Friday del 2016. Accettando di donare Il 100% nel giorno del Black Friday, l’1% tutti i giorni a organizzazioni dedicate all’acqua pulita, all’aria e al suolo, la Patagonia ha incassato 10 milioni di dollari di attività nel giorno in questione.

Guidato dall’hashtag #loveourplanet, la campagna è fiorita proprio perché non era quello che le persone si aspettavano: attingendo alla loro coscienza, si è creata in loro la consapevolezza che la loro spesa avrebbe contribuito a rendere il mondo un posto migliore.

No al Black Friday: REI e #OptOutside

Nel 2015, la REI ha incoraggiato i consumatori a dimenticare lo shopping e dirigersi verso i grandi spazi aperti. L’azienda ha dato l’esempio chiudendo i suoi negozi e sospendendo l’e-commerce, dando a ciascuno dei suoi 12.000 dipendenti un giorno di ferie retribuito.

L’hashtag #OptOutside ha portato a 1,4 milioni di persone impegnandosi a fare proprio questo, e ha generato un incredibile 1,2 miliardi di impressioni sociali. La campagna ha avuto un tale successo che REI ha ripetuto il trucco nel 2016.

Il lato luminoso del Black Friday: Hubbub e il Bright Friday

Hubbub è un piccolo ente di beneficenza del Regno Unito che crea campagne ambientali e ha fatto le proprie ricerche in vista del lancio di un’alternativa al Black Friday. Si è scoperto che due terzi delle persone non amano partecipare al Black Friday, mentre metà si sentiva a disagio con il concetto. Più preoccupante, il 45% ha speso soldi per qualcosa che non poteva permettersi solo perché era scontato, e il 70% ha comprato articoli in vendita che non ha poi mai usato.

Hubbub ha quindi invitato il “Bright Friday”, un modo alternativo di trascorrere il Black Friday, che invita i partecipanti a creare nuovi abiti da quelli vecchi, o prendere in prestito e scambiare oggetti di moda con gli altri.

Contro il Black Friday: Cards Against Humanity e l’aumento di $5

Molte aziende lo considererebbero un suicidio commerciale, ma un marchio ribelle era così contrario all’idea di abbassare il prezzo dei suoi prodotti per rendersi appetibile, che ha deciso di andare controcorrente e aumentare i loro prezzi per il fine settimana.

Inizialmente i responsabili marketing dell’azienda volevano ridurre i prezzi di $0,01 come scherzo. Alla fine, però, hanno adottato un approccio molto più rischioso, chiedendo per l’acquisto delle carte un extra di $5.

Amazon era titubante nell’appoggiare l’iniziativa, ma acconsentì l’aumento dei prezzi. La “vendita” è stata ampiamente condivisa su Twitter e Tumblr, è stata pubblicata su Reddit ed è stata ampiamente trattata nei notiziari di tutto il mondo.

E tu? Che cosa hai in programma per il Black Friday quest’anno? 

Il lato luminoso del Black Friday: Hubbub e il Bright Friday

Hubbub è un piccolo ente di beneficenza del Regno Unito che crea campagne ambientali e ha fatto le proprie ricerche in vista del lancio di un’alternativa al Black Friday. Si è scoperto che due terzi delle persone non amano partecipare al Black Friday, mentre metà si sentiva a disagio con il concetto. Più preoccupante, il 45% ha speso soldi per qualcosa che non poteva permettersi solo perché era scontato, e il 70% ha comprato articoli in vendita che non ha poi mai usato.

Hubbub ha quindi invitato il “Bright Friday”, un modo alternativo di trascorrere il Black Friday, che invita i partecipanti a creare nuovi abiti da quelli vecchi, o prendere in prestito e scambiare oggetti di moda con gli altri.

No al Black Friday: REI e #OptOutside

Nel 2015, la REI ha incoraggiato i consumatori a dimenticare lo shopping e dirigersi verso i grandi spazi aperti. L’azienda ha dato l’esempio chiudendo i suoi negozi e sospendendo l’e-commerce, dando a ciascuno dei suoi 12.000 dipendenti un giorno di ferie retribuito.

L’hashtag #OptOutside ha portato a 1,4 milioni di persone impegnandosi a fare proprio questo, e ha generato un incredibile 1,2 miliardi di impressioni sociali. La campagna ha avuto un tale successo che REI ha ripetuto il trucco nel 2016.

Contro il Black Friday: Cards Against Humanity e l’aumento di $5

Molte aziende lo considererebbero un suicidio commerciale, ma un marchio ribelle era così contrario all’idea di abbassare il prezzo dei suoi prodotti per rendersi appetibile, che ha deciso di andare controcorrente e aumentare i loro prezzi per il fine settimana.

Inizialmente i responsabili marketing dell’azienda volevano ridurre i prezzi di $0,01 come scherzo. Alla fine, però, hanno adottato un approccio molto più rischioso, chiedendo per l’acquisto delle carte un extra di $5.

Amazon era titubante nell’appoggiare l’iniziativa, ma acconsentì l’aumento dei prezzi. La “vendita” è stata ampiamente condivisa su Twitter e Tumblr, è stata pubblicata su Reddit ed è stata ampiamente trattata nei notiziari di tutto il mondo.

E tu? Che cosa hai in programma per il Black Friday quest’anno?